Bruxelles dà la sua approvazione al nuovo REF

govierno2015

Entrata in vigore Gennaio 2015

González Ortiz:
“Diventa il più potente che ha avuto Canarias per creare posti di lavoro “”

I limiti flessibili dellaCommissione europea di accumulare aiuti compensativi per la lontananza e l’insularità

 

La Commissione europea ha dato la sua approvazione per il rinnovo del Regime  economico fiscale (REF), proposto dal Governo delle Isole Canarie e concordato con il governo della Spagna, ha annunciato oggi il ministro dell’Economia, delle Finanze e di sicurezza, Javier Gonzalez Ortiz. Con questa linea di Bruxelles, la riforma entrerà in vigore il 1 ° gennaio 2015 e corre fino al 2020

A partire del prossimo anno, le isole potranno contare su un REF  che sarà il più potente che hanno avuto le Canarie per creare posti di lavoro. Tutti gli strumenti sono stati riformulati o creati per favorire il mercato del lavoro”, assicura González Ortiz.

Secondo il ministro, questa riforma “, rafforzerà la ripresa economica, aumentando l’attività, la diversificazione e la competitività delle nostre imprese che saranno rafforzate da un ulteriore stimolo per gli investimenti, l’innovazione e l’internazionalizzazione”.

Dopo varie settimane di negoziazione, la Commissione Europea ha validato i nuovi incentivi fiscali che si applicheranno nelle isole Canarie impostando il suo contenuto nel regolamento di esenzione generale della UE.

Anche se questo inizialmente ipotizzato che l’aiuto ricevuto da parte delle imprese locali, a titolo di risarcimento per la lontananza e l’insularità non poteva superare in totale il 10%  del suo fatturato annuo , il Governo delle Canarie è riuscito a stabilire che alle imprese industriali in difficoltà a conformarsi in questo momento servono valori superiori. Pertanto la percentuale per questo settore si alza al 17,5% mentre per il resto si mantiene al 10% stabilito.

In questo senso, Bruxelles richiede che durante il periodo del prossimo REF i beneficiari non accumulino aiuti al di sopra di tali limiti quando beneficiano di diversi incentivi fiscali. Si tratta,tra l’altro, delle sovvenzioni per il trasporto merci, AIEM, ZEC, la RIC legato alle spese di lavoro o deduzioni all’estero; un requisito che non li riguarda quando a favore degli aiuti agli investimenti.

Su questo punto, il Ministro González Ortiz afferma che, dopo intensi negoziati con Bruxelles, “abbiamo raggiunto condizioni così flessibili che le aziende possono trarre vantaggio contemporaneamente diversi aiuti, purché il loro applicazione non superi i suoi costi per sviluppare la propria attività in una regione ultraperiferica”.

Principali novità

Tra i cambiamenti del prossimo REF sottolinea gli aspetti della Reserva para Inversiones de Canarias (RIC). A partire da ora, sarà possibile realizzare il 50% degli stanziamenti nella creazione di nuovi posti di lavoro e si aprono altre vie per  la partecipazione indiretta con il fine che le piccole imprese e professionisti possano partecipare in progetti comuni di maggiori dimensioni.

Altro strumento innovativo è la detrazione per gli investimenti in Africa Occidentale. Diretto esclusivamente alle piccole e medie imprese, possono ottenere tra il 10 e il 15% di deduzione per implementare filiali in alcuni paesi sempre che incrementino la platea dei suoi lavoratori nelle Canarie y mantengano questo incremento durante i seguenti tre o cinque anni.

Tale misura, intesa a contribuire all’espansione delle imprese con l’obbiettivo che reinvestano nelle Isole, è completato da una deduzione analoga sulle spese di Promozione Internazionale e di apertura e prospezione per nuovi mercati.

Daltra parte, la vigente deduzione por investimenti si mantiene come un meccanismo fiscale esenziale dove vengono introdotti miglioramenti come l’estensione a 15 anni, invece degli attuali 5, del periodo di applicazione e si incrementa al 45% la deduzione finalizzata all’innovazione.

La Zona Especial Canaria (ZEC) registra modifiche sostanziali. si eliminano gli attuali limiti di base imponibile per ottenere una tassazione del solo 4% sempre se le imprese se installano garantiscono la creazione nell’ Isola di un mínimo di 50 posti di lavoro.

Con la nuova normativa vengono eliminati anche, restrizioni geografiche in modo che le aziende possono sviluppare il proprio business in tutto l’Arcipelago; si estende il termine per la registrazione e del godimento degli incentivi; e si amplia la lista delle attività che possono realizzarsi.

Documento originale 

Share Button
Nuovo REF da gennaio 2015