InvestimentoA – Diamo il benvenuto al Sig. Gionathan di Life in Tenerife, e a cui volevamo fare un intervista

G – Ciao, grazie del tempo che mi hai dedicato, oggi ho scelto questo tema per spiegare brevemente il perchè affidarsi a un professionista qui a Tenerife.

In Italia normalmente ci affidiamo alla legge, paghiamo moltissime tasse, ma siamo tutelati sull’aspetto contrattuale e legislativo, ad esempio se stipuliamo un contratto ma questo è contrario alla Legge non ha valore. Qui in Canarie il sistema è un po’ diverso.

A – Si spieghi meglio..

G – Alle Canarie si fa affidamento all’accordo tra persone, affidandosi alla buona fede di entrambi. Se si stipula un contratto esso ha valore più della legge.

E qui i notai non certificano la correttezza di un atto, ma solo che sia firmato correttamente. Capisce quindi che da soli non è facile capire se stiamo facendo l’affare giusto!

A –  Ritiene che questa differenza di cultura abbia conseguenze per gli italiani che si trasferiscono a Tenerife?

G – Si, purtroppo, se non ci si adegua alle leggi o per meglio dire alla usanze Canarie questo potrebbe essere un enorme problema, soprattutto per noi italiani che siamo abituati a essere tutelati senza che ce ne accorgiamo. Essere troppo sicuri di se, qui, può causare disastri legali di proporzioni epiche, perchè ingenuamente ci fidiamo dei contratti come se fossimo in Italia, ma rischiamo di venire travolti da clausole che affosseranno il nostro business in poco tempo.

A – Ci può fare un esempio pratico?

G – Certo! Si può fare un esempio nel settore della ristorazione, il fatto che un ristorante o un bar esiste, non da garanzie sulla possibilità che la licenza possa essere trasferita o che sia completamente a norma. Ma supponiamo che noi in buona fede firmiamo questo contratto e in seguito veniamo a conoscenza che manca di licenze necessarie o sorgono altri problemi burocratici, il contratto non può essere nullo.

Questo può avere pesanti conseguenze!

A – Sta dicendo che un proprietario di un locale commerciale può vendere o trasferire la sua attività anche se questa non ha tutte le licenze necessarie?

G – Esattamente!……

A – Come ci si può tutelare?

investire-onlineG – La soluzione è semplice, affidarsi a consulenti, avvocati e professionisti nel settore contrattuale e fiscale. Certo questi vanno pagati per i loro servizi, ma sarete sicuri che quello che state facendo è giusto e corretto e di sicuro vi costerà meno una consulenza che perdere migliaia di euro per ingenuità!

Sta di fatto comunque che qui bisogna adattarsi a un modo di fare e di vedere le cose molto diverso dal nostro, più a misura di essere umano, ma ovviamente meglio non essere troppo ingenui.

A – In questo momento moltissimi italiani stanno comprando attività commerciali, quindi lei che consigli da agli Italiani che vogliono investire a Tenerife?

G – Suggerisco di essere molto cauti, e anche se sembra l’affare del secolo, aspettare ci fa ragionare con migliore lucidità. Basta poco per evitare certi errori e affidarsi a un buon consulente è l’opzione migliore, aiuta a vedere le cose con maggiore realismo, fornisce il supporto necessario e indica la migliore strategia o il migliore affare tra quelli proposti.

Molti italiani vengono qui con i risparmi accumulati in anni di duro lavoro e la voglia di lavorare, costruire, inventare, innovare che ci contraddistingue, spesso ci fa peccare di impazienza e orgoglio.

Dato che siamo in un paese straniero, con umiltà dovremmo prima conoscerne usi e costumi, leggi e sistemi burocratici, insomma farci anche un business plan o farci aiutare a farlo, poi investire! Eviteremo di spendere male quei risparmi sudati in anni di lavoro.

Ecco perchè ho creato il pacchetto all inclusive di trasferimento: http://www.lifeintenerife.eu/#!offerte/c13bx

Questo pacchetto è una garanzia per cominciare bene, avere già un 50% di successo.

L’altro 50% poi lo dovete mettere voi con il vostro lavoro e la vostra capacità.

A – Quindi il suo consiglio è aspettare?

investimenti-2011G – Certamente, ma non troppo! Se si investono grandi cifre il consiglio è aspettare da 1 a 3 mesi per capire come funzionano qui le cose e nel frattempo tramite un esperto trovare l’affare.

Per chi ha intenzione di fare un piccolo investimento può bastare anche 1 mese, ma ogni cosa va fatta con cognizione e aiuto di un esperto.

A – Ultima domanda, di quanto possiamo parlare in media per un investimento alle Canarie che renda e ne valga la pena?

G – Guardi, per attività artigianali bastano 5000 euro di investimento o meno. Per quanto riguarda la ristorazione, il minimo per un piccolo bar siamo sui 15mila euro e poi saliamo fin dove si vuole.

Avere tanti soldi da investire comunque è relativo. Ho conosciuto persone che hanno aperto piccole attività artigianali con 1000 euro e in 5 anni di risparmi si sono aperti poi 3 locali.

Altri invece con 100mila euro, gestiti male, in 2 anni si sono mangiati ogni singolo euro!

Bisogna porsi un obiettivo, e piano piano scalino dopo scalino raggiungerlo.

Un ultima cosa, vorrei solo dire che per chiunque viene qui la cosa più importante è affidarsi a professionisti SERI, perchè spesso vedo italiani troppo sicuri di se pensare che tutti amano gli italiani, la loro cucina, i loro gusti.

Un analisi di mercato avrebbe permesso loro di capire che qui la componente multietnica invece premia poco i gusti italiani. Ecco perchè ad esempio i bar sono pieni e le gelaterie vuote.

Spesso vengono sottovalutate le imprese di servizi, le attività artigianali e servizi a imprese già esistenti; anche questi sono degli ottimi campi d’investimento dove il capitale iniziale è davvero minimo in confronto forse a un locale aperto in mezzo ad altri 4000 locali….

Riflettiamo allora, INVESTIRE SI, MA CON ATTENZIONE

Share Button
Investire SI, ma con attenzione