IL DIARIO del trasferimento Pag 1

Vi racconto la mia esperienza sul trasferimento a Tenerife
Prima ancora di partire è bene sapere che:

La decisione è importante, trasferirsi in un altro paese non è una passeggiata è bene che lo sappiate per fare tutte le valutazioni del caso.

Cambiano leggi, abitudini, cibo e LINGUA ma prima ancora dovete staccarvi dall’Italia e se avete una casa di proprietà mettete in budget tempo e soldi

Nel mio caso dal compromesso di vendita ci sono voluti ben tre mesi, ogni documento richiesto bolli, diritti di segreteria, poi la sanatoria e relativa multa, poi i tecnici che la redigono, il notaio che cavilla su tutto …

Dovrete predisporre i trasferimenti delle utenze al nuovo proprietario, disdire tutto quello che non vi servirà più (assicurazioni, telepass, Sky, ecc.)

Molte arrabbiature e soldi non previsti e fatto questo dovrete organizzare un trasporto internazionale, preparare i bancali con le cose da portare, le auto da caricare, tutto viaggerà su container, tutto dovrà essere inscatolato anticipatamente e una volta inviato i tempi per l’arrivo sono di circa 20 / 25 giorni, vanno compilati diversi documenti, alcuni in Spagnolo ed è necessario avere il NIE bianco (doc rilasciato dalla polizia spagnola che richiede la presenza sul territorio)

Ma prima di spedire bisogna trovare una casa di destinazione, suggerisco in affitto per poter avere il tempo di cercare eventualmente con calma una casa da acquistare e qui viene una non piccola difficoltà, per poter avere l’empadronamiento (domicilio) che permette di avere tutti gli altri documenti, avere una scuola per i figli, aprire un’attività ecc. in pratica tutto se no siete solo turisti senza possibilità di fare nulla, la casa / appartamento deve essere affittata con contratto a larga temporada (contratto di affitto senza scadenza).

I contrati di affitto a larga temporada sono difficilissimi da trovare perché tutti preferiscono affittare a turisti con contratti a termine, se trovate qualcosa tramite agenzie o portali dovrete dimostrare le capacità economiche (altrimenti non ve lo danno) il reddito deve essere almeno 3 volte l’affitto in linea di massima.

Suggerisco di sfruttare questo tempo per studiare la lingua, anche se Tenerife è piena di italiani e si parla spesso italiano lo spagnolo è fondamentale nelle istituzioni e strutture.